Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa S. Elisabetta Regina

Date rapide

Oggi: 17 novembre

Ieri: 16 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Ravello Notizie

Tu sei qui: SezioniCultura, Eventi & Spettacoli"Ode To Ravello": il pianoforte dell'eclettico Charlemagne Palestine inaugura il progetto culturale di Palazzo Avino

Cultura, Eventi & Spettacoli

Nella millenaria chiesa di San Giovanni del Toro

"Ode To Ravello": il pianoforte dell'eclettico Charlemagne Palestine inaugura il progetto culturale di Palazzo Avino

Palestine ha realizzato installazioni opere e performance dagli anni Settanta, segnalandosi come uno dei grandi precursori del XX secolo, e uno dei più grandi artisti contemporanei.

Scritto da (Redazione), mercoledì 21 agosto 2019 16:29:06

Ultimo aggiornamento mercoledì 21 agosto 2019 16:43:29

RAVELLO - La millenaria chiesa di San Giovanni del Toro si prepara ad ospitare la prima edizione di "Ode to Ravello", il nuovo ed esaltante progetto culturale promosso dal Palazzo Avino, albergo di lusso tra i primi cinquanta al mondo, volto a mettere in dialogo l'arte contemporanea e la musica.

Martedì 27 agosto, a tenere a battesimo la rassegna, il compositore e artista americano Charlemagne Palestine presenta """Strummingsssss per i Misteriiiii dell'Infinito""", un'opera sonora pianistica da egli stesso appositamente concepita per la location (inizio ore 21,00).

Palestine è stato selezionato da un comitato composto da Fabio Agovino, collezionista; Mariella Avino, managing director di Palazzo Avino; Cloe Perrone, curatrice; Laura Valente, presidente della Fondazione Donnaregina e del Museo Madre di Napoli e Andrea Viliani, direttore artistico del Museo Madre di Napoli.

La storia di Ravello è contrassegnata da tanti innamoramenti, che si muovono tra Boccaccio e Leonard Bernstein: Giuseppe Verdi e Edvard Grieg, Arturo Toscanini e Leopol Stokowski; Theodor Adorno, Robert Capa, Truman Capote, E. M. Forster, André Gide, Joan Mirò, Guido Piovene, Paul Valery, Gore Vidal, Tennessee Williams, ma anche artisti contemporanei quali Mimmo Paladino, Francesco Clemente e Sandro Chia, Michelangelo Pistoletto e Giulio Paolini, o Tony Cragg.

E Richard Wagner. Autore che ha teorizzato nel XIX secolo la rivoluzione del teatro come opera d'arte totale, e che apprezzerebbe che nel paese a picco sulla Costa d'Amalfi - che lo colpì tanto da esclamare: "Il giardino incantato di Klingsor è trovato!" (sul registro dei visitatori di Palazzo Episcopio, 26 maggio 1880) - si pratichi ancora oggi un'idea di contemporaneità che somiglia molto all'uomo protagonista della sua narrazione artistica: un uomo indagato nella sua totalità di mente, sentimento e sensorialità, rispondente ad un "teatro" che deve fare ricorso a tutte le forme espressive. Il termine preciso che Wagner usa nell'Opera d'arte dell'avvenire (1849) è Gesamtkunstwerk ossia "opera d'arte unitaria", tecnica compositiva applicata da oltre 40 anni anche dal maestro Charlemagne Palestine.

Secondo la teoria di opera d'arte totale di Wagner tutte le forme espressive (poesia, musica e danza ma anche architettura, pittura e le figurative) si pongono tra loro in un rapporto di confronti e scambi (che tra l'altro rimandano subito all'altro concetto caro a Wagner di "organicità"), gli unici in grado di esprimere l'essenza più intima di un uomo in dialogo con il suo tempo.

Charlemagne Palestine ha realizzato installazioni opere e performance dagli anni Settanta, segnalandosi come uno dei grandi precursori del XX secolo, e uno dei più grandi artisti contemporanei. Le sue opere dialogano in genere con luoghi sacri e architetture culturali, per accrescere e intensificare i loro "magici misteri e la sacralità".

Tra le prestigiose sedi che hanno ospitato interventi dell'artista si segnalano, per citarne alcune: Cattedrale Sé, Lisbona, Portogallo; Chiesa di Saint-Eustache, Parigi, Francia; Santa Maria in Chiesa Rossa, Milano, Italia; Cattedrale di Saint-Pierre, Ginevra, Svizzera; Cattedrale Saints-Michel-et-Gudule, Bruxelles, Belgio; Basilica di San Martino Maggiore, Bologna, Italia; Piramide del Louvre, Parigi, Francia; Villa Medicea, Artimino, Italia; Villa Borghese, Roma, Italia.

L'opera-performance di Charlemagne Palestine nella Chiesa di San Giovanni del Toro a Ravello sarà documentata da un'equipe cinematografica per essere inclusa in un'installazione, che sarà presentata al museo Madre di Napoli, a metà gennaio 2020.

Charlemagne Palestine è nato a Brooklyn New York nel 1947. È un "Gesamtkunstler", un artista del suono, un compositore, un artista, un cineasta e un artista dell'installazione.

Come compositore-performer originariamente qualificato per essere un cantore, e poi un carillonneur; esegue sempre le sue opere come solista. I continuums sonori elettronici furono i suoi primi pezzi; poi scoprì il Bösendorfer Imperial Piano di Vienna e iniziò a trasformare i pianoforti in sintetizzatori acustici elettronici del suono usando una tecnica speciale chiamata Strummminggggsss dove ogni stringa di uno strumento ha la sua voce e la rapida alternanza di note, accordi e registri si fondono per diventare uno spettro fisico di risonanti sonorità che interagiscono nello spazio con architetture sacre e atmosfere magiche per trasportare gli ascoltatori su un tappeto volante.

Galleria Fotografica

rank:

Cultura, Eventi & Spettacoli

Cultura, Eventi & Spettacoli

Ravello, torna la rassegna musicale “Suoni del Sud”. Dal 25 luglio al 21 settembre 10 eventi da piazza

Ritorna "Suoni del Sud", la rassegna musicale estiva organizzata dal Comune di Ravello dedicata alle sonorità popolari dell'area mediterranea che quest'anno si arricchisce con quattro appuntamenti di musica jazz. Dal 25 luglio al 21 settembre Ravello sarà il palcoscenico per dieci eventi musicali, tutti...

Cultura, Eventi & Spettacoli

Ravello Festival e Città della Scienza celebrano i 50 anni dell’allunaggio

Il cartellone della 67esima edizione del Ravello Festival propone due appuntamenti speciali organizzati in collaborazione della Città della Scienza di Napoli. Due incontri di grande attualità interattivi con il pubblico. Martedì 16 luglio (ore 21) sul Belvedere di Villa Rufolo il primo di questi, con...

Cultura, Eventi & Spettacoli

Ravello Festival e Amalfi Coast Music & Arts Festival: prima masterclass e primo concerto

Nuova collaborazione per la Fondazione Ravello che da quest'anno stringe un ‘patto di musica' con l'Amalfi Coast Music & Arts Festival arrivato alla sua 24esima edizione. La collaudata formula dell'ACM&A Festival, che coniuga l'alta formazione musicale con il turismo culturale, porterà a Ravello due...

Cultura, Eventi & Spettacoli

Al Ravello Festival è ancora "Orchestra Italia" con la Cherubini diretta da Jean Efflam Bavouzet

La programmazione sinfonica della 67esima edizione del Ravello Festival arriva al suo terzo appuntamento. Domenica 14 luglio (ore 20) sul Belvedere di Villa Rufolo salirà l'Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini" diretta dal pluripremiato direttore e pianista Jean Efflam Bavouzet. La formazione, creatura...