Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 giorni fa B.V. Maria Addolorata

Date rapide

Oggi: 15 settembre

Ieri: 14 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Ravello Notizie

Tu sei qui: SezioniNecrologiRavello: addio a Raffale Amato (baffone), esponente della nobile tradizione contadina

Necrologi

Ravello: addio a Raffale Amato (baffone), esponente della nobile tradizione contadina

Scritto da (Redazione), lunedì 17 dicembre 2018 11:27:03

Ultimo aggiornamento lunedì 17 dicembre 2018 12:27:51

La scorsa notte si è spento Raffaele Amato (Baffone l'americano come lo chiamavano i suoi amici ai tempi dei suoi viaggi in America quando accompagnava Judith Sherkpof), un Ravellese.

Apparteneva ad una generazione di persone nate in casa, come si usava ai suoi tempi, nel 1933. Un carattere difficilissimo, onesto e gran lavoratore. Ha subito diversi interventi medici avanti negli anni con il solo scopo di poter lavorare anni in più nel suo prezioso giardino. Protesi nella schiena, due trapianti di ginocchio, fisioterapie ortopediche, fregandosene altamente dei divieti dei medici, con il solo scopo di prendere la zappa in mano qualche anno in più e veder crescere insalata, zucca, finocchi, basilico, fiori, curare gli alberi di frutta, senza mai usare antiparassitari chimici perché guastavano il sapore del suo raccolto. Un cacciatore, di quelli che seguivano le regole, sempre. Di quelli che partivano in 5 con l'Apecar all'alba, con qualunque condizione climatica, con un fucile in mano per le campagne del Salernitano per continuare la tradizione tramandata a lui da suo padre e dal padre di suo padre. E poi la passione per la caccia è continuata per le campagne di Tricarico, in provincia di Potenza, insieme agli amici del luogo. Un uomo che viveva di principi. Che quando vedeva Gore Vidal con il motorino nel viale privato che andava verso la Rondinaia, dove la regola era di non usare mezzi a motore, lo fermava e lo faceva continuare a piedi, perchè quelle erano le regole. Doveva esserci il piatto a tavola a mezzogiorno ed alle 19, perchè il ritmo del contadino è quello.

Quattro figli, una moglie. Mai fatto mancare nulla. E' così che fa il padre di famiglia. A messa per San Pantaleone (perché era il patrono del suo paese) e per San Cosma e Damiano (perchè in una casa lì vicino era nato). Finchè ha potuto andare in chiesa non ha mai mancato questi due appuntamenti ogni anno. Un giocatore di carte (briscola e scopa) come pochi. Di quelli che conta tutte le carte che escono per demolire l'avversario fino all'ultima carta. Se ne va con Raffaele un pezzo di storia di questo paese che ho conosciuto solo attraverso i suoi racconti, i cui ricordi si perderanno con lui e quelli della sua generazione che non avevano tempo per studiare perchè hanno cominciato a lavorare prima dei 10 anni, quando la guerra era una realtà assurda e incomprensibile. Questa generazione di Ravellesi che ci sta lasciando hanno contribuito con i loro estenuanti ritmi di lavoro da contadino, incomprensibili per le generazioni di adesso, a rendere Ravello quella che è oggi. Rendo omaggio a Raffaele, un uomo fuori dal tempo, che ha fatto dell'onesta, delle regole di convivenza civile, della disciplina del lavoro, dei principi da cui non si è mai discostato, nel bene e nel male, un modo di vivere.

Marco Rossetto (genero)

Galleria Fotografica

rank:

Necrologi

Necrologi

Ravello, si è spenta la maestra Dora Del Pizzo. Ha educato generazioni di fanciulli

Al termine di un'esistenza dedicata interamente alla famiglia e alla scuola, si è spenta stamani la maestra Dora Del Pizzo. Aveva 83 anni e da diversi anni viveva a Scala, godendo delle premure della figlia Sonia. Originaria di Minori, moglie dell'indimenticato Bonaventura Vuilleumier, la signora Dora...

Necrologi

Ravello, è morto Antonio Ruocco. Domani i funerali

Nella serata ieri è morto, all'ospedale "Fucito" di Mercato San Severino, Antonio Ruocco, 88 anni, di Ravello. A darne il triste annuncio i fratelli Luigi e Giuseppe, le sorelle Anna, Rita, Assunta e Filomena e i cari nipoti. Era da diverso tempo che Antonio non si vedeva ai tavoli del bar Klingsor,...

Necrologi

Ravello, dolore e incredulità per morte di Nicola: tanti i messaggi su Facebook

A Ravello un’intera comunità è segnata dall’improvvisa e tragica scomparsa di Nicola Palumbo, il 54enne imprenditore edile morto tragicamente ieri sul posto di lavoro. Una notizia che ha colpito le coscienze di tutti malgrado siano in tanti a non voler credere a quanto accaduto. A facebook ognuno, in...

Necrologi

Ravello, addio a nonna Giuseppina sulla soglia dei 105 anni

Tra un mese esatto avrebbe compiuto 105 anni, ma stamani il buon cuore della signora Giuseppina Granata ha smesso di battere presso la casa di riposo a cui era stata affidata. Dal 30 novembre scorso, dopo la morte di Nunziatina Palumbo (105 anni) era la cittadina più anziana della Città della Musica,...