Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa S. Elisabetta Regina

Date rapide

Oggi: 17 novembre

Ieri: 16 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Ravello Notizie

Tu sei qui: SezioniPoliticaFondazione Ravello: Nicola Amato scrive a Felicori e propone figura dell'amministratore unico

Politica

Fondazione Ravello: Nicola Amato scrive a Felicori e propone figura dell'amministratore unico

Scritto da (Redazione), mercoledì 26 giugno 2019 13:26:43

Ultimo aggiornamento giovedì 27 giugno 2019 12:40:06

Il commissario straordinario della Fondazione Ravello, Mauro Felicori, si appresta a consegnare nelle mani del governatore De Luca il piano di "riordino" della Fondazione che prevede innanzitutto le modifiche statutarie col nuovo assetto nella governance dell’ente. Il manager bolognese, da noi intervistato pochi giorni fa, ha più volte aperto alle diverse realtà del paese, non disdegnando suggerimenti. Il consigliere di minoranza Nicola Amato, capogruppo di Ravello nel Cuore, ne approfitta per suggerire al commissario alcuni spunti interessanti, partendo dalla storia recente della Fondazione, con fatti e misfatti, prima di evudenziare le necessità della struttura dell'ente. Innanzitutto rendere i tre beni pienamente fruibili dal pubblico (Villa Rufolo, Palazzo Episcopio e auditorium "Oscar Niemeyer"), rivedere l’utilità di alcuni organi, snellire le procedure di amministrazionee prevedere la figura dell'amministratore unico.

Segue lettera integrale trasmessa da Amato a Felicori.

Facendo seguito all’intercorsa corrispondenza, nel prendere atto che gli impegni istituzionali non hanno permesso, ad oggi, un incontro con la parte politica che rappresento, ritengo doveroso, sottoporre all’attenzione della S.V. una riflessione e un contributo di idee sul nuovo corso della Fondazione in ambito statutario.

Quando ci si incammina nella creazione di un sodalizio istituzionale, sebbene ad indirizzo culturale, il presupposto iniziale, quello degli "obiettivi comuni", è dato da una serie di fattori, non ultimo la condivisione politica, su larga scala e, in parte, il rapporto amicale, vero propellente dell’iniziativa.

Spesso, però, le strade si dividono, e solo l’interesse superiore e collettivo possono riportare le cose sui percorsi inizialmente tracciati.

Le vicende che hanno portato al commissariamento oggi Le sono più che note, l’attenzione della politica è massima, come pure le tensioni con i rappresentanti istituzionali degli enti soci.

Noi abbiamo salutato con piacere la Sua nomina a commissario.

Con la stessa si sono ottenuti primi importanti risultati:

  1. l’azzeramento di tutte le cariche (politiche) statutarie;
  2. una nuova progettualitàper il festival di Ravello, scevra da compromessi.

Ma la mission della Fondazione deve reggersi anche sul dopo Felicori, perchè il rischio di stagnazione è alto soprattutto quando la politica, quella sovracomunale e non solo, detta le regole della convivenza, se non dell’opportunità, intervenendo in tutti gli aspetti, soprattutto gestionali e di personale incaricato, spesso trincerandosi dietro all’aspetto (giuridico) privatistico della Fondazione.

Il j’accuse dell’avv. Della Pietra, di comune conoscenza, racchiude la sintesi del malessere che ha attraversato Fondazione Ravello negli ultimi anni!

Nei libri di storia della nostra città, i posteri avranno modo di leggere molte pagine dedicate alla Fondazione Ravello....

L’unico argine a quanto successo negli ultimi anni, è una Ri..Fondazione statutaria del sodalizio.

Il nuovo statuto, tenuta indenne la mission per la quale la Fondazione è stata costituita(Tutelare e valorizzare, in termini culturali ed economici, i beni di interesse artistico e storico situati nell'area del Comune di Ravello

Promuovere e coordinare iniziative culturali, scientifiche ed artistiche che facciano dei siti storico-artistici di Ravello la sede di manifestazioni di prestigio nazionale ed internazionale

Rendere detti beni pienamente fruibili dal pubblico, secondo modalità che ne consentano la migliore conservazione

Gestire - in conformità ai principi di efficacia, efficienza e trasparenza - i compendi di beni facenti parte del proprio patrimonio ovvero ad essa affidati o conferiti in uso), dovrebbe rivedere l’utilità di alcuni organi e snellire le procedure di amministrazione anche introducendo (eventualmente) la figura dell’amministratore unico con funzione delegate che pone in esecuzione gli indirizzi del Consiglio di Fondazione.

Di seguito alcuni suggerimenti.

Introdurre il Consiglio di fondazione, a carattere permanente, formato, unicamente, dai rappresentanti degli enti soci o loro delegati (uno per ente) con compiti di indirizzo e controllo (abolendosi di fatto il Consiglio di Indirizzo, che non pochi problemi di governance ha creato), con gratuità dell’incarico e rimborso spese.

All’interno del Consiglio di fondazione è nominato il Presidente del Consiglio di Fondazione Ravello, scelto tra i soci fondatori, al quale compete l’attribuzione del titolo di Presidente della Fondazione.

La carica rivestita, di mera rappresentanza, ha durata triennale e non può essere rinnovata valendo il principio dell’alternanza tra i soci.

Il Consiglio di amministrazione (qualora non si opti per un organo monocratico) è composto da max tre membri, di cui uno con compiti di Presidente, è nominato dal Consiglio di Fondazione, ha durata triennale e può essere rinnovato per pari durata.

La rappresentanza dell'ente verso l'esterno è attribuita al presidente dell'organo di amministrazione (o all’amministratore delegato).

Solo all’amministratore delegato è riconosciuto un compenso non superiore a quanto già attribuito al direttore o segretario generale. Negli altri casi l’incarico è a titolo gratuito con rimborso delle relative spese.

Per il funzionamento della Fondazione la direzione delle attività dell'ente può essere affidata ad un direttore o segretario generale, anche con poteri di rappresentanza.

L’organo di revisione, avente durata triennale, potrebbe essere monocratico e non collegiale, scelto, a sorteggio, da apposito elenco dei soggetti accreditatisi, ciò anche nel caso si opti per un collegio di tre membri.

Il Consiglio di Fondazione può nominare un comitato scientifico-culturale, con funzioni consultive, composto da esperti nel campo delle attività della fondazione. La nomina ha durata triennale ed è legata alla programmazione delle attività della Fondazione. L’incarico è gratuito con rimborso delle spese.

Per il funzionamento degli organi di cui innanzi si ritiene che le decisioni possano essere prese a maggioranza semplice, tranne che per la modifica dello Statuto.

A questo punto sarebbe necessario scrivere un intero capitolo sul personale e sulle modalità di assunzione, trasparenza, professionalità, etc... Mi limiterò agli incarichi di spessore.

Per gli incarichi di vertice, direttore o segretario generale, direttore dei vari dipartimenti e/o sezioni e responsabili della gestione dei beni, dovrebbe valere la formula dello spoyl sistem, in modo che il giudizio complessivo sulla gestione e sull’amministrazione sia legato ai risultati raggiunti.

Per queste figure non dovrebbero essere previsti contratti a tempo indeterminato, ma temporanei, con fissazione degli obiettivi, anche annuali, da raggiungere e stipendi predeterminati, oltre alla trasparenza assunzionale.

Questo, in parte, egr. dott. Felicori, il ns punto di vista al fine di superare l’immobilismo in cui versa la Fondazione (oltre che la litigiosità) e slegarlo, per quanto possibile, dall’occupazione costante e continua della politica oltre che a vederla fuori dal castello fortificato, ove si è rinchiusa facendone un baluardo inespugnabile.

Non senza evidenziare che il giudizio complessivo, da parte del nostro Gruppo politico, su Fondazione Ravello, dal 2002 ad oggi, non è certo positivo.

Poi, si ritiene debbano essere regolamentati i rapporti con l’Ente Comune di Ravello, la disponibilità della Sala Frau, l’utilizzo dei beni da conferire a Fondazione Ravello..., aspetti su quali vi dovranno essere approfondimenti e valutazioni di opportunità e di cortesia istituzionale.

Auspicando apposito incontro, per meglio spiegare quanto prospettato, La saluto cordialmente.

Nicola Amato

Capogruppo Ravello nel Cuore

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Politica

Lettera anonima a Nicola Amato, Insieme per Ravello: «La macchina del fango e dell’intimidazione ad uso politico»

In merito alla lettera anonima dal contenuto intimidatorio recapitata ieri al consigliere comunale di minoranza Nicola Amato, il gruppo "Insieme per Ravello" condanna con fermezza il gesto che non appartiene alla cultura ravellese, ma a alle abitudini di pochi. Di seguito la nota prodotta dal gruppo...

Politica

«Liberiamo da situazioni di costrizione alcune realtà che insistono a Ravello»: De Luca annuncia la rivoluzione Fondazione [VIDEO]

«A Ravello erano conosciuti dei piccoli feudi personali privi di qualunque motivazione democratica e professionale, che non si possono trascinare nei secoli dei secoli. Cioè nessuno può immaginare che Ravello sia il proprio feudo, il cortile di casa propria». A dichiaralo il governatore della Campania...

Politica

Ravello ricomincia col Wagner “commissariato”

di Umberto Belpedio Tra poche ore si alza il sipario su uno dei palcoscenici che il mondo ci invidia, quello di villa Rufolo a Ravello, a strapiombo sul mare, per la 67esima edizione del Festival musicale. Una delle più antiche rassegne che quest'anno si apre con un programma articolato in cinque sezioni...

Politica

Governatore De Luca stasera a Ravello: a Villa Rufolo per la prima del Festival 2019

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca terrà a battesimo la 67esima edizione del Festival di Ravello. La presenza del governatore è attesa per il concerto inaugurale di stasera. Dalle 20 De Luca assisterà, dalla tribuna del Belvedere di Villa Rufolo, con il commissario straordinario della...