Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 giorni fa S. Massimo vescovo

Date rapide

Oggi: 29 maggio

Ieri: 28 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Ravello Notizie

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Tu sei qui: Storia e Storie5 giugno 1944: Vittorio Emanuele III firma a Ravello decreto luogotenenziale

Storia e Storie

5 giugno 1944: Vittorio Emanuele III firma a Ravello decreto luogotenenziale

Scritto da (Redazione), venerdì 5 giugno 2015 18:16:01

Ultimo aggiornamento mercoledì 5 giugno 2019 09:58:55

di Emiliano Amato

Il 4 giugno del 1944 Roma veniva liberata dall'occupazione nazista e, già il giorno successivo, re Vittorio Emanuele III, come da accordi con il Governo, pur senza abdicare, delegava i suoi poteri costituzionali al figlio Umberto, Principe di Piemonte, nominandolo, con Regio Decreto 140/44 del 5 giugno 1944, Luogotenente Generale del Regno.

"La cerimonia si svolse sempre a Ravello e sempre nella villa Episcopio", ricorda lo storico Antonio Spinosa, "fu una cerimonia scarna, ma degna d'un Parsifal per l'intensità e per la suggestione dei luoghi prediletti da Wagner".

Pieno di amarezza, salutando sulla soglia della villa il figlio che partiva per la capitale, Vittorio esclamò: «Va', divertiti tu, ora». Umberto, dunque, esercitò di fatto le prerogative del sovrano senza tuttavia possedere la dignità di re, trattenute da Vittorio Emanuele III, rimasto a Salerno che rimase di fatto capitale del Regno fino a metà agosto, per consentire il ripristino della normalità a Roma.

Umberto si guadagnò ben presto la fiducia degli alleati grazie alla scelta di mantenere la monarchia italiana su posizioni filooccidentali. Il 25 giugno 1944 firmò, su pressione americana, il decreto legislativo luogotenenziale 151/1944, il quale stabiliva che «dopo la liberazione del territorio nazionale le forme istituzionali» sarebbero state «scelte dal popolo italiano, che a tal fine» avrebbe eletto «a suffragio universale, diretto e segreto, un' Assemblea Costituente per deliberare la nuova costituzione dello Stato» dando per la prima volta il voto alle donne.

Il 9 maggio del 1946, con la definitiva abdicazione del re Vittorio Emanuele III, il Luogotenente ascendeva, anche formalmente, al Trono d'Italia con il nome di Umberto II. Vi sarebbe rimasto fino al successivo 13 giugno (è infatti ricordato come il "Re di Maggio"), data in cui, a seguito del referendum istituzionale del 2 giugno che abolì la Monarchia per la Repubblica, lasciò l'Italia per l'esilio in Portogallo.

L'idea della Luogotenenza (strumento costituzionale, previsto nello Statuto Albertino, già utilizzato da Vittorio Emanuele III allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, allorché egli lasciò Roma per il fronte, nominando Luogotenente il cugino Tommaso di Savoia, Duca di Genova dal 1915 al 1918), fu suggerita dalla ristrettissima cerchia di tre personalità: l'ex presidente della Camera Enrico De Nicola e dai due ministri del nuovo Governo di Unità Nazionale Carlo Sforza e Benedetto Croce.

Si trattava dell'unico compromesso possibile, anche se i capi dei partiti antifascisti avrebbero preferito l'abdicazione di Vittorio Emanuele III, la rinuncia al trono da parte di Umberto e la nomina immediata di un reggente civile.

Benedetto Croce, grande estimatore dell'ingegno giuridico di Enrico De Nicola, aderì a quella proposta non scevro da perplessità in quanto temeva che proprio l'istituto della Luogotenenza potesse facilitare la fine della Monarchia e l'avvento della Repubblica.

"L'incontro di Ravello" tra il re e De Nicola si svolse nella straordinaria cornice di Palazzo Episcopio, l'ex palazzo vescovile di proprietà del Duca di Sangro (aristocratico romano intimo dei Savoia nonché Aiutante di Campo del re) che dall'11 febbraio di quell'anno ospitò il sovrano nel periodo in cui il governo si trasferì da Brindisi a Salerno.

Davanti ai tizzoni ardenti - era verso la fine dell'inverno di quell'anno - il re, perplesso, ascoltò in silenzio il giurista napoletano fino a quando non fu associato al colloquio il ministro della Real Casa, il conte Pietro d'Acquarone, gentiluomo di Palazzo di Sua Maestà la Regina.

Alla fine Vittorio Emanuele III accettò la soluzione e si piegò alla ferma volontà di De Nicola che, tra l'altro, rivolgendosi al ministro, era stato molto esplicito nel sottolineare l'esiguità delle alternative percorribili.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Ravello Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Sono gli uomini di buona volontà la luce del mondo

Custodisci sempre con paterna bontà la tua famiglia, Signore, e poiché unico fondamento della nostra speranza è la grazia che viene da te, aiutaci sempre con la tua protezione. Is 58, 7-10 Dal libro del profeta Isaìa Così dice il Signore: «Non consiste forse [il digiuno che voglio] nel dividere il pane...

Storia e Storie

Intervento salvavita a Ravello: volontario della Millennium di Amalfi protagonista di un pronto intervento

Un volontario della P.A. Millenium Costa d'Amalfi salva la vita ad una donna, 75enne residente a Ravello, che rischiava di morire dissanguata. I fatti sono accaduti verso le 14.30 e prontamente documentati dalle pagine de Il Vescovado, il giornale on line della Costa d'Amalfi. All'interno di un'abitazione...

Storia e Storie

Ravello, Alfonso Pacifico nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso

La notizia era da tempo nell'aria ma oggi è confermata: Alfonso Pacifico è il nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso. Quarant'anni, di origini beneventane, Pacifico - già hotel manager della prestigiosa struttura a cinque stelle che include circa 150 unità lavorative - subentra a Franco Girasoli,...

Storia e Storie

Sessant'anni fa Ravello nel viaggio di Pasolini

di Salvatore Amato Pur rimanendo fedeli all'ammonimento virgiliano "non omnia possumus omnes", non poteva passare sotto silenzio una bellissima testimonianza su Ravello di Pier Paolo Pasolini. Molti ricorderanno la sua presenza nella Città della Musica nel 1970 per girare alcune scene del "Decameron",...