Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 giorni fa S. Eugenio papa

Date rapide

Oggi: 2 giugno

Ieri: 1 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Hotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Contract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Ravello Notizie

Hotel in Amalfi, Hotel Amalfi Coast, Albergo di Charme in Costiera Amalfitana, Luxury Hotel, Hotel Marina RivieraAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Contract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoLuxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Tu sei qui: Notizie e LifestyleLe notti della vergogna

Notizie e Lifestyle

Ravello

Le notti della vergogna

Fracasso e malcostume sconfiggono la tradizione di stile ed eleganza che ha sempre contraddistinto la Città

Scritto da (Redazione), venerdì 21 giugno 2019 12:18:51

Ultimo aggiornamento lunedì 24 giugno 2019 09:13:06

di Antonio Schiavo

 

Chissà quando a Cupertino realizzeranno una APP che consenta di percepire odori e sapori.

Facevo questo ragionamento domenica scorsa: era un bel po’ che non capitavo a Ravello di questi tempi. Piazza Vescovado odorava di buono, di pulito; i tigli riempivano l’aria di un profumo delicato ed intenso al tempo stesso, famiglie di forestieri incantati davanti alla maestà della Cattedrale, alla torre di Villa Rufolo. Educati, rispettosi, chiedevano con cortesia informazioni e contemporaneamente il silenzio ai propri bambini che, come è giusto che sia, trotterellavano vivaci e chiassosi, liberi in una piazza accarezzata da un leggero venticello che attenuava la calura di inizio estate.

La giornata poi volge al termine: a via Boccaccio una calca irrequieta per il solito ritardo (o forse una soppressione) delle autolinee SITA, una carovana di turisti che si affrettava verso il capolinea di un grosso torpedone.

Cala la sera, tutti a cena compreso un gruppo di invitati ad un matrimonio che già avevano attinto ad abbondanti libagioni nel tardo pomeriggio.

Ravello si addormenta nella sua stessa pace, come avrebbe detto il Manzoni, o - meglio - tenta di addormentarsi.

Allo scoccare della mezzanotte, poco più o poco meno (vai a guardare il pelo?), nessuna carrozza va a raccogliere la Canerentola di turno appena convolata a nozze, ma un onda di barbari si riversa in piazza. Il tasso alcolemico a punte indicibili, esposizione di lardo anglosassone (effettivamente fa ancora caldo), esibizioni canore degne di Woodstock, canti belluini al cui confronto quelli da stadio sono un coro per voci bianche.

Sedie di un bar rovesciate, effusioni animalesche (niente di trascendentale per carità, ma tanto simili ai corteggiamenti tra mufloni), residui gastrici sui cantucci verso la galleria vecchia, esito di sbronze non sopportate.

Apprendo che anche la notte successiva, verso le due, l’indegno spettacolo si è ripetuto corredato anche da un derby calcistico tra le scale della chiesa e i pini.

Ci risiamo: da decenni tutti sembrano indignarsi ma poche sono state le azioni a contrasto del fenomeno; tutti rimpiangono i bei tempi andati quando Ravello si distingueva da altre località costiere o della riviera romagnola per l’educazione e il senso civico degli ospiti (qualcuno lo chiamava con un po’ di supponenza "turismo d’elite).

Gli operatori turistici in genere (le eccezioni ci sono sempre state) assecondavano tale signorilità con il garbo ed il gusto connaturato a chi in questo posto è nato non sacrificando questa qualità comportamentale sull’altare di mammona, il dio danaro che non puzza per definizione ma ammorba luoghi e coscienze.

Non c’era bisogno di corsi per insegnare la ravellesità, quella era uno stato d’animo geneticamente ereditato, una virtù civica che De Masi ha opportunamente tradotto nel termine azzeccatissimo di "Spirito di Ravello". Che si trasmetteva, come in una trasfusione di plasma, anche a chi desiderava soggiornarvi godendo del silenzio, inebriandosi di quei profumi di tiglio, lasciandosi accarezzare della brezza della sera al chiaro della luna piena.

E quanto al povero Don Angelo gli ridò il consiglio espresso in altra occasione: dovesse ripetersi questa vergogna assoluta, risponda agli schiamazzi, ai canti sguaiati e agli strombazzamenti sciogliendo le campane a distesa.

Qualcuno, oltre ai "privilegiati" che abitano in piazza (e che non riescono a farci il callo) si sveglierà.

Meglio se di soprassalto.

>Leggi anche:

Notte di bagordi a Ravello: schiamazzi di stranieri ubriachi a torso nudo in piazza. Il Parroco: «È una vergogna, non se ne può più» [FOTO-VIDEO]

Bagordi notturni post matrimoni a Ravello: Nicola Amato propone un codice di autoregolamentazione

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Ravello Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Notizie e Lifestyle

Notizie e Lifestyle

È morto Ezio Bosso, il musicista che non poteva più suonare ma riusciva comunque a emozionare

Non è riuscito a rivedere la libertà della fine del lockdown Ezio Bosso. L'aspettava tanto e aveva già i suoi desideri: «La prima cosa che farò è mettermi al sole. La seconda sarà abbracciare un albero». Ma non è stato possibile. Ezio Bosso è morto, a 48 anni. Direttore d'orchestra, compositore e pianista,...

Notizie e Lifestyle

Tonno da riva avvistato nelle acque della Spiaggia Grande di Positano / Video Virale

Dopo la comparsa dei delfini (leggi qui) e del capodoglio (ecco l'articolo di Positano notizie) tra la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana un nuovo e più raro avvistamento è all'onore delle cronache. A darne notizia è il portale on line di Positano (qui l'articolo originale) pubblicando un video...

Notizie e Lifestyle

Il 21 Aprile Straordinaria Esposizione di Santa Maria a Mare

di don Vincenzo Taiani Carissimi Fratelli e Sorelle, martedì 21 Aprile 2020 ricorre il XVI anniversario di quel grande evento, che ha segnato la storia religiosa e civile della nostra città di Maiori, allorquando la Comunità Ecclesiale di Maiori, rappresentata dal Parroco Don Vincenzo Taiani, unitamente...

Notizie e Lifestyle

Negativo il tampone dell'anziana di Conca dei Marini, la nuora: «Additati come untori»

È risultato negativo al Covid-19 il tampone faringeo effettuato sull'anziana di Conca dei Marini che ieri pomeriggio si era presentata al presidio ospedaliero della Costa d'Amalfi. Il risultato del test, giunto stamani, ha confermato la negatività anticipata dal test rapido a cui la donna è stata sottoposta...