Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Massimo vescovo

Date rapide

Oggi: 29 maggio

Ieri: 28 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Ravello Notizie

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Tu sei qui: Storia e StorieIl Sangue di San Pantaleone, il dono più prezioso per Ravello

Storia e Storie

Il Sangue di San Pantaleone, il dono più prezioso per Ravello

Scritto da (Redazione), sabato 14 maggio 2016 11:55:30

Ultimo aggiornamento sabato 27 luglio 2019 08:09:41

Oggi la comunità religiosa di Ravello festeggia la traslazione dell'ampolla contenente il sangue del nostro Santo Patrono, più comunemente riconosciuta come "San Pantaleone di maggio".

Questa solennità ecclesiastica, che si celebra nella terza domenica di maggio, vuole ricordare il trasferimento dell'importante reliquia dall'antico altare alla cappella costruita in onore del martire, avvenuta nel 1695 per volere di Monsignor Luigi Capuano.

San Pantaleone, Medico e Martire, esercitava la professione di medico di Nicomedia, e subì il martirio nel 305 sotto le persecuzioni di Diocleziano, a causa della sua profonda fede in Cristo. La leggenda vuole dopo all'atto della decapitazione del martire una pia donna ne raccolse il sangue in un'ampolla, conservandolo, con profonda devozione, in casa propria.

San Pantaleone ancora oggi è venerato nella Chiesa Orientale ed è stato annoverato fra i quattordici santi ausiliatori (invocati dal popolo cristiano nei momenti difficili). La mancanza di documenti, però, non ci consente di stabilire con esattezza come la reliquia sia pervenuta nella nostra Città.

Ma la leggenda vuole che l'ampolla contenete il Sangue di San Pantaleone arrivò a Ravello tra il IX ed XI secolo, quando i Ravellesi, con Amalfitani e Scalesi, tenevano rapporti commerciali straordinariamente intensi con l'Oriente ed in particolare con Costantinopoli. Si suppone che, come altre importanti reliquie arrivate nella Penisola (vedi San Marco per Venezia, Sant'Andrea per Amalfi e San Nicola per Bari), anche il sangue di San Pantalone fosse stato barattato o addirittura saccheggiato a seguito di una guerriglia.

Si tramanda che, di ritorno in Patria, l'imbarcazione battente la gloriosa bandiera dalla croce ottagona, fu sorpresa da una forte tempesta che costrinse i marinai Amalfitani e Ravellesi a rimanere, a lungo, nella rada di Castiglione o Marmorata, attendendo che placasse la tormenta, per poter più facilmente condurre le manovre di ingresso nel porto della capitale amalfitana.

Ma la bufera stentava a placarsi e si pensò che la reliquia volesse ostinatamente rimanere nel territorio di Ravello.

Allora il clero e tutto il popolo Ravellese raggiunsero in fretta la costa e, in solenne processione, recarono l'Ampolla del Sangue del Martire a Ravello, che da quel giorno aveva scelto come Sua Patria di elezione o predilezione, dando segno tangibile della sua presenza attraverso il miracolo della liquefazione. Il processo di mutamento dello stato del plasma pare si verificasse già a Costantinopoli dove è documentato dal 1057.

Ma a Ravello, di questo processo, si apprende solo nel 1577. "Il sangue miracolosamente si scioglie dai primi vespri della festa che si celebra solennemente ogni anno (27 luglio ndr) e rimane così per tutta l'ottava fino al tramonto di alcuni giorni dopo".

Così scriveva il Vescovo Paolo Fusco in una visita pastorale nel settembre di quello stesso anno. La traslazione fu poi decisa nel 1617 da mons. Michele Bonsio e, in occasione del sinodo diocesano del 1695, monsignor Luigi Capuano, patrizio napoletano di origini amalfitane, ordinò che il sangue venisse posto al centro dell'altare della cappella e che fosse celebrata nella terza domenica di maggio la festa della traslazione con rito doppio.

Il sangue, dopo essere stato esposto alla venerazione con le altre reliquie, fu portato in processione per la Città, col suono continuo delle campane, per poi essere riposto nel nuovo reliquiario, costruito appositamente ed ornato.

Il miracolo della liquefazione è avvenuto eccezionalmente anche in occasione della festa della traslazione nel 1718. Nelle ore pomeridiane del 21 maggio 1922 si verificò la liquefazione "a metà" del prezioso sangue, e il popolo colse, in quel segno straordinario, una visibile approvazione data dal patrono, all'arrivo della luce elettrica presso la Basilica, inaugurata proprio in quel giorno.

Questa celebrazione, dunque, ricorderà per sempre che il Sangue di San Pantaleone è il dono più prezioso che Iddio abbia mai potuto prevedere per Ravello.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Ravello Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Sono gli uomini di buona volontà la luce del mondo

Custodisci sempre con paterna bontà la tua famiglia, Signore, e poiché unico fondamento della nostra speranza è la grazia che viene da te, aiutaci sempre con la tua protezione. Is 58, 7-10 Dal libro del profeta Isaìa Così dice il Signore: «Non consiste forse [il digiuno che voglio] nel dividere il pane...

Storia e Storie

Intervento salvavita a Ravello: volontario della Millennium di Amalfi protagonista di un pronto intervento

Un volontario della P.A. Millenium Costa d'Amalfi salva la vita ad una donna, 75enne residente a Ravello, che rischiava di morire dissanguata. I fatti sono accaduti verso le 14.30 e prontamente documentati dalle pagine de Il Vescovado, il giornale on line della Costa d'Amalfi. All'interno di un'abitazione...

Storia e Storie

Ravello, Alfonso Pacifico nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso

La notizia era da tempo nell'aria ma oggi è confermata: Alfonso Pacifico è il nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso. Quarant'anni, di origini beneventane, Pacifico - già hotel manager della prestigiosa struttura a cinque stelle che include circa 150 unità lavorative - subentra a Franco Girasoli,...

Storia e Storie

Sessant'anni fa Ravello nel viaggio di Pasolini

di Salvatore Amato Pur rimanendo fedeli all'ammonimento virgiliano "non omnia possumus omnes", non poteva passare sotto silenzio una bellissima testimonianza su Ravello di Pier Paolo Pasolini. Molti ricorderanno la sua presenza nella Città della Musica nel 1970 per girare alcune scene del "Decameron",...