Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Massimo vescovo

Date rapide

Oggi: 29 maggio

Ieri: 28 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Ravello Notizie

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Il San Pietro di Positano - Lifestyle Luxury Hotel - Relais & ChateauxPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilio

Tu sei qui: Storia e StorieQuel viaggio di Pasolini in auto da Ravello fino al Cilento

Storia e Storie

Quel viaggio di Pasolini in auto da Ravello fino al Cilento

Scritto da (Redazione), domenica 1 novembre 2015 19:12:52

Ultimo aggiornamento martedì 30 luglio 2019 11:18:23

di Rino Mele

Era il 1959, aveva appena pubblicato "Una vita violenta" e, con una Millecento, girò l'Italia per il settimanale "Successo" (diretto da Tofanelli) che, dal 4 luglio 1959, pubblicherà a puntate "La lunga strada di sabbia". Con lui un fotografo, Paolo di Palo: racconterà come Pasolini non prendesse appunti, ma aveva per tutto un'attenzione alta, estrema. Forse guardava con la stessa neutra e partecipativa continuità di una consapevole macchina da presa (non dirà, alcuni anni dopo, che il cinema è "la lingua scritta della realtà"?). Partito dalla Liguria, tracciò nel suo viaggio una linea continua, come un sarto con l'imbastitura.

Ora "La lunga strada di sabbia" è stato pubblicata in volume partendo dagli appunti curati da uno studioso francese, Philippe Séclier, per le edizioni Contrasto. Alla guida di un'automobile poco veloce Pasolini scende l'Italia, un poeta dolce (un marxista feroce): la ferocia e la dolcezza si mischiano in un'ansia politica aspra, come un rimorso. Da Napoli ("che ebbrezza partire da Napoli") raggiunge Castellamare, si trova a confronto coll'immenso corpo del Vesuvio ("orrendo, informe spettro controluce. Percorro la costa che il Boccaccio, settecento anni fa, in una sua novella ha chiamato la più bella costa del mondo"). Sorrento.

Poi, Amalfi ("sul mare velato dal solito temporale meridiano") e ne subisce l'immediato fascino: "basta uno sguardo per afferrare l'intera cittadina a semicerchio sul porto". Sembra pensare a un anfiteatro, forse a un luogo da cui guardare un'enigmatica scena. Ma ne fugge, è irresistibilmente attratto (certo con la mediazione novellistica di Boccaccio) da Ravello. Che all'inizio confonde con Scala e percorre e ripercorre, luogo amato prima d'incontrarlo (come sono le vere passioni) e chiama città, paese, "piccola Assisi".

Ne scrive con parole placate dall'urgenza, quel dilaniare della bellezza che sa di morte: "Ravello è come in uno sperone, sospeso nel vuoto, in fondo a cui si stendono colline che strapiombano sul mare. Ma te ne accorgi solo alla fine, quando giungi alla Villa Cimbrone (...) davanti un viale per un giardino favolosamente neoclassico, che finisce di colpo, laggiù, contro il cielo". Della terrazza estrema della villa trae un sentimento di volo e allora s'attorce in termini erotici e cristiani cari alla controriforma, parla di "estasi" (clicca qui per leggere l'estratto integrale su Ravello).

Da Ravello si stacca dubitando, come avesse dimenticato qualcosa in un albergo interiore. Passa per Minori, per Maiori (che chiama due volte "Maggiori") dove c'è una festa coi fuochi d'artificio. A Salerno non si ferma, passa di notte: Vorrebbe dormire a Paestum ma si ritrova alle due di notte a Vallo Lucano (scrive così). Ed è un incubo notturno, teatrale, uno scendere e salire buie scale di palazzi di una sconosciuta aristocrazia: "Il paese è grande, sembrerebbe opulento, abitato da nobili, in palazzotti seicenteschi o settecenteschi, non privi di solennità". Alberghi e locande inaccessibili, come voraci labirinti: "Le porte sono tutte aperte, giro qualche interruttore ma nessuna luce si accende: corridoi e camere bui: preso da una sorta di terrore ridiscendo". Palazzi vuoti e fantasmi, altre prove di sbarrata ospitalità, con la guida di un fornaio: "Lo seguo: mi trovo in un sordido atrio, uno scrittoio e, accanto, un lettino dove si è alzato a sedere un vecchio, ancora con la faccia adolescente, persa nel sonno (...). Dice di no, che non ci sono camere, no, no. Ecco, risalgo in macchina,mi perdo nel tremendo coprifuoco, tra le montagne".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Ravello Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Sono gli uomini di buona volontà la luce del mondo

Custodisci sempre con paterna bontà la tua famiglia, Signore, e poiché unico fondamento della nostra speranza è la grazia che viene da te, aiutaci sempre con la tua protezione. Is 58, 7-10 Dal libro del profeta Isaìa Così dice il Signore: «Non consiste forse [il digiuno che voglio] nel dividere il pane...

Storia e Storie

Intervento salvavita a Ravello: volontario della Millennium di Amalfi protagonista di un pronto intervento

Un volontario della P.A. Millenium Costa d'Amalfi salva la vita ad una donna, 75enne residente a Ravello, che rischiava di morire dissanguata. I fatti sono accaduti verso le 14.30 e prontamente documentati dalle pagine de Il Vescovado, il giornale on line della Costa d'Amalfi. All'interno di un'abitazione...

Storia e Storie

Ravello, Alfonso Pacifico nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso

La notizia era da tempo nell'aria ma oggi è confermata: Alfonso Pacifico è il nuovo general manager del Belmond Hotel Caruso. Quarant'anni, di origini beneventane, Pacifico - già hotel manager della prestigiosa struttura a cinque stelle che include circa 150 unità lavorative - subentra a Franco Girasoli,...

Storia e Storie

Sessant'anni fa Ravello nel viaggio di Pasolini

di Salvatore Amato Pur rimanendo fedeli all'ammonimento virgiliano "non omnia possumus omnes", non poteva passare sotto silenzio una bellissima testimonianza su Ravello di Pier Paolo Pasolini. Molti ricorderanno la sua presenza nella Città della Musica nel 1970 per girare alcune scene del "Decameron",...