Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Marcella martire

Date rapide

Oggi: 28 giugno

Ieri: 27 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera AmalfitanaRavello Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Connectivia, Internet Service Provider in fibraTerra Di Limoni il limoncello realizzato solo con limoni Costa d'Amalfi IGP - Liquori e infusi della Costiera AmalfitanaBove Marrazzo impresa Edile per lavori pubblici e privati a Tramonti e in Costiera Amalfitana

Ravello Notizie

Connectivia, Internet Service Provider in fibraTerra Di Limoni il limoncello realizzato solo con limoni Costa d'Amalfi IGP - Liquori e infusi della Costiera AmalfitanaBove Marrazzo impresa Edile per lavori pubblici e privati a Tramonti e in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Territorio e Ambiente«Vi racconto la frana sotto casa mia a Ravello»: Scurati denuncia i mancati sforzi contro il dissesto idrogeologico

Territorio e Ambiente

Ravello, costiera amalfitana, frana, Antonio Scurati

«Vi racconto la frana sotto casa mia a Ravello»: Scurati denuncia i mancati sforzi contro il dissesto idrogeologico

«Infine incontriamo l’illegalità, l’illecito sistematico, la complicità attiva e passiva di chi dovrebbe combatterlo. Incontriamo il cemento che divora la terra agricola, l’abusivismo edilizio endemico [...] Incontriamo il doloroso paradosso di una terra meravigliosa nella quale il cemento vale 10 mila euro al metro quadrato e un ettaro di limoneto non vale più niente», ha chiosato

Scritto da (Maria Abate), sabato 28 agosto 2021 14:33:40

Ultimo aggiornamento sabato 28 agosto 2021 14:33:52

Con una fotografia inappuntabile e un articolo sul "Corriere della sera", lo scrittore Antonio Scurati, cittadino onorario di Ravello, ha messo i riflettori sul dissesto idrogeologico in Costiera Amalfitana.

«Vi è mai capitato che la terra vi sia franata sotto i piedi? A me è toccato l'altroieri. Una frana ha squarciato un piccolo lembo di mondo giusto sotto la mia casa a Torello, frazione di Ravello, in uno degli angoli più belli dell'intero Mediterraneo. È una strana sensazione», ha raccontato.

Precisando che «Quella che ha squarciato la terra sotto i miei piedi è stata una piccola frana, non ha causato nessuna vittima (per fortuna e per caso), la strada rotabile sottostante è stata sgombrata in poche ore. Eppure, in Costiera Amalfitana, come nel resto d'Italia, calamità non-naturali di questo tipo si contano a centinaia negli ultimi anni, a migliaia».

In parole povere, per Scurati pagare poco i coltivatori dei limoni (veri e propri eroi per le difficoltà in cui operano) significa causare l'abbandono dei terrazzamenti, che - non più curati - franano.

«Infine incontriamo l'illegalità, l'illecito sistematico, la complicità attiva e passiva di chi dovrebbe combatterlo. Incontriamo il cemento che divora la terra agricola, l'abusivismo edilizio endemico [...] Incontriamo il doloroso paradosso di una terra meravigliosa nella quale il cemento vale 10 mila euro al metro quadrato e un ettaro di limoneto non vale più niente», ha chiosato.

 

Clicca qui per l'articolo completo

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Ravello Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 101910109

Territorio e Ambiente

Territorio e Ambiente

Messa in sicurezza del costone roccioso, chiusa per lavori la spiaggia di Castiglione

Per consentire i lavori di messa in sicurezza del costone roccioso, la spiaggia di Castiglione di Ravello resterà interdetta alla fruizione pubblica per un giorno. Lo ha stabilito il Sindaco Paolo Vuilleumier con l'ordinanza n.16 del 24 giugno. La riapertura della spiaggia è prevista per il 27 giugno....

Territorio e Ambiente

No allo spreco d'acqua a Ravello: ordinanza per usarla solo per scopi igienico-domestici

Visto il perdurare di temperature elevate e di assenza di precipitazioni piovose, il Sindaco di Ravello Paolo Vuilleumier ha firmato un'ordinanza che stabilisce l'assoluto divieto, su tutto il territorio comunale, di utilizzare l'acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici, nel periodo...

Territorio e Ambiente

In Costa d'Amalfi fa tappa “Spid in ogni dove”, progetto per creare gratis l’identità digitale

Farà tappa in Costiera Amalfitana il progetto itinerante "Spid in ogni dove" promosso dall'associazione no-profit "Migliorattivamente" che offrirà a chiunque la possibilità di creare la propria identità digitale in modo totalmente gratuito. L'idea di fondo dell'iniziativa sociale itinerante consiste...

Territorio e Ambiente

Ravello Lab: ecco le Raccomandazioni per lo sviluppo delle aree interne, 23 giugno la presentazione a Roma

La cultura come asse di sviluppo per le aree interne, rigenerazione e tutela sostenibile del paesaggio e miglioramento della dotazione di servizi per far crescere le comunità, sviluppo dell'impresa "socio-culturale", sono questi solo alcuni dei temi sviluppati durante i lavori dell'edizione di Ravello...

Alden Consulenti d'impresa - Cava de' Tirreni - Salerno - Costiera AmalfitanaSal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana

Ravello Notizie - Il portale on line di Ravello e della Costiera Amalfitana

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.